LA MIA ATENE

January 28, 2016

 

Non potevo inaugurare questo blog che con il mio paese d’origine: la Grecia. Partendo, ovviamente, dalla mia Atene, dove sono nato.

Grazie alla direttrice dell' Ente Ellenico per il Turismo a Milano, Kyriaki Boulasidou, a novembre 2015 ho realizzato questo viaggio che mi ha portato indietro nel tempo, ricordandomi sapori ormai dimenticati, piatti che mi hanno fatto tornare bambino, le vie del centro con i negozi di spezie e il loro profumo, il mercato, la tiropita e tante emozioni.  Ad Atene troverete sempre il sole. I suoi colori, il cielo azzurro, gli alberi di Nerantzi (un frutto che assomiglia a un’arancia ma dal sapore molto amaro), che molti usano per farne un  dolce al cucchiaio. E tutto questo, credetemi, vi ruberà il cuore. Qualsiasi stagione è bella per visitare Atene. Probabilmente in pieno inverno troverete qualche pioggia ma non spaventatevi. Le piogge ad Atene durano dieci minuti e da qualche parte il sole trova sempre il modo per uscire.

Per muoversi in città la metropolitana è il mezzo più comodo con le sue  tre linee che servono quasi tutta Atene:  la linea blu arriva fino all’aeroporto in quarantacinque minuti dal centro. Se preferite i taxi, forse i più economici in Europa, si trovano dappertutto e potete fermarli  in qualsiasi punto vi troviate.

Per arrivare ad Atene ci sono voli diretti da Milano e Roma con Aegean Airlines, Alitalia, Easy Jet (d'inverno non fa voli giornalieri), e Ryanair da Bergamo. Da Bologna Alitalia fa scalo a Roma, ma dal 30 marzo 2015 Ryanair vola direttamente da Bologna ad Atene.

La Grecia non sono solo le isole ad agosto… Grecia è anche Atene, una città ricca di storia, con la sua cucina mediterranea piena di profumi, spezie, erbe e sapori. I suoi numerosissimi locali la rendono una città piena di vita, nella quale i ristoranti (dai più tradizionali ai nuovi   gourmet) soddisfano tutti i palati ….

Una delle cose assolutamente da fare è visitare Acropoli:  un tuffo nella storia e una vista della città da mozzare il fiato. Ma non dimenticate di visitare anche il www.theacropolismuseum.gr

Potete continuare il vostro giro nella parte storica di Atene, la zona di Plaka e Thission facendo una bella camminata, fate una sosta in uno dei numerosi bar sotto l’Acropoli per un caffè o un aperitivo, oppure noleggiate una bici elettrica da solebike www.solebike.eu  con una guida o non (ma è bello anche perdersi quando si viaggia).  Per dormire non ci sono problemi vista la quantità di  hotel e b&b per tutte le tasche. Se volete coccolarvi, però,  uno degli hotel  più storici ad Atene, è il Grand Bretagne Hotel, un cinque stelle nel cuore di Atene, a Syntagma. Leggermente fuori dal centro di Atene, invece,  troverete l’hotel Hilton e Crowne Plaza Athens City. Un’ottima soluzione nella zona di Acropoli vicinissimo alla metro è l’Herodion Hotel. Magari evitate la zona di Omonoia e limitrofi… la sera non è il massimo.

Se volete divertirvi la movida di maggiore tendenza è nella zona Gazi.  Piena di localini dove bere qualcosa, ballare, mangiare o semplicemente bere un caffè. Con la metro arriverete nel cuore (la fermata è Kerameikos). Vicino a Syntagma la zona della piazza Agias Eirinis offre numerosi locali per un drink, ma comunque ad Atene troverete dappertutto locali e ristoranti. Oltre a Gazi la maggior concentrazione è a Psyri, Monastiraki, Thission, Acropolis, Keramikos.  

 

Prima di iniziare la giornata è necessaria una bella colazione e in Grecia si usa farla con il salato piuttosto che il dolce. Quando sono in Grecia non vedo l’ora di iniziare la giornata con una tiropita, l’amo alla follia. Da sempre è la mia preferita e la mangerei a colazione, a merenda, come spuntino, dopo cena, dopo avere ballato… Dopo tutto!! Tutti i forni la preparano quotidianamente perché fa parte della storia, racconta la storia culinaria del paese, è quel prodotto che non sparirà mai, per fortuna, che fa parte della bandiera gastronomica greca. Si tratta di una pita salata farcita con la  feta (un formaggio tipico greco, ormai conosciuto in tutto il mondo che non manca in  nessuna casa greca). La troverete in varie versioni: con la pasta filo, con la pasta sfoglia fino alle versioni più recenti di pasta sfoglia con farina ai cereali e semi… Io preferisco la classica pasta filo con il ripieno di solo feta. Qualsiasi ora è buona per una tiropita. Se però avete voglia di un dolce la Bougatsa è perfetta, è un dolce tipico fatto sempre con la pasta filo ripiena con la crema di latte dolce, a Psyri in Plateia  Iroon 1 il Bougatsadiko Thessaloniki è perfetto per assaggiarla (facebook Bougatsadiko Psyri), ordinate un caffè e una bougatsa, sedetevi a un tavolino e godetevi la preparazione di questo dolce in diretta. Restiamo ancora un po’ sui dolci greci, il Baklava lo conosciamo tutti, non è vero? Il tipico dolce di pasta filo con frutta secca, cannella e ricoperto di sciroppo… Ok lo conosciamo tutti, lo troverete nelle taverne, nelle pasticcerie, nelle caffetterie, ovunque si mangia insomma….non andare via senza assaggiarlo però, forse non è il dolce migliore per chi, come me, non ama i dolci troppo dolci ma abbiamo detto che assaggiare tutto sviluppa il palato e apre la mente! Assaggiandolo capirete molto sulla cucina greca e le sue origini, Io vi consiglio anche un altro dolce che non troverete nei menù dei ristoranti, perché si prepara solo nelle pasticcerie specializzate che si chiamano “loukoumatzidiko”, sono delle frittelle, oppure ciambelline ricoperto con il miele, cannella e una spolverata di noci tritate finemente o, nelle versioni più moderne, ricoperte di cioccolato. Krinos  in via Aiolou 87 (in greco la a e la i  insieme si pronuncia come una e ) li fa benissimo dal 1923 in un edificio storico restaurato mantenendo intatta la struttura originale del 1855. Una pasticceria tipica  greca la dovete visitare pero! Provate Asimakopouli www.asimakopouli.com , nel centro di Atene, dal 1910, oppure Serbetia nella zona Psyrri, in piazza. Ecco un piccolo elenco dei dolci da assaggiare: tulumba, sono delle frittelle di semolino con miele; karidopita, è una torta di noci con cioccolato servito con o senza gelato alla vaniglia (in tutti i modi per me è buonissima) Ovviamente questi dolci sono della tradizione, mi raccomando non dimenticate lo yogurt con il miele e le noci, dicono sia pure afrodisiaco, e  assaggiandoli capirete che l’oriente e le balkania non sono lontani. Ci sono anche le pasticcerie più moderne, dove il cioccolato e le creme hanno trovato il loro regno, a parere mia influenzati (o copiati) dalla pasticceria francese.

 

Torniamo in giro e andiamo al mercato caratteristico di carne e pesce, Varvakeios Agora, si trova a Monastiraki.  E’ il mercato dove io andavo da piccolo con mia mamma. E niente è cambiato: l’atmosfera è la stessa, i venditori continuano a chiamare l’attenzione dei clienti urlando i prezzi e la qualità dei loro prodotti. Credetemi è veramente folkloristico, Un’esperienza da fare.  I prodotti del mercato sono di ottima qualità e i prezzi sono molto convenienti , circa il 20% in meno dai supermercati , ma controllate sempre se dovete comprare… Non tutti i venditori sono sinceri!  Visto che siete in zona non dimenticate di andare in via Evripidou , di fronte al mercato, seguite il profumo e la troverete senza problemi, è la via delle spezie. Qualsiasi spezia desiderate  nei negozi di questa via la troverete, il paradiso di un cuoco, erbe aromatiche essiccate, legumi, oltre le spezie di ottima qualità che potete acquistare anche sfuse in un ottimo prezzo, anche quelle più costose in questo mercato le troverete a metà prezzo, oppure cose difficilmente trovabili come l’agar-agar e le alghe nori. In via Evripidou oltre le spezie anche tanti negozi dei salumi, qui troverete il Pastrouma,  un affettato con un sapore molto deciso, che in origine veniva fatto solo con la carne di cammello. Lo so, probabilmente vi fa venire i brividi l’idea della carne di cammello ma una volta la sensibilità verso gli animali e il cibo era quasi inesistente, comunque anche questo fa parte della storia e della tradizione, sottolineando le influenze della cucina araba. Oggi viene fatto mescolando anche la carne di manzo all’interno o anche solo con la carne di manzo. La procedura per realizzarlo però è la stessa: la carne  viene messa tra due legni per pressarla e ricoperta di sale grosso per disidratarla e cuocerla, poi viene ricoperta con una pasta fatta di paprika, cumino, aglio tritato e lasciato per circa 15 giorni ad asciugare. Il pastrouma fa parte dei tantissimi meze della tavola greca, come i dolmades , lo tzatziki, la fava Santorinis , la feta, le olive e  tante altre  piccole portate che si mettono al centro della tavola per condividere con gli altri commensali, accompagnati da un bicchiere di  ouzo o tsipouro. Ricordate che il cibo in Grecia vuol dire convivialità. A Plaka troverete tanti Ouzeri, locali dove bere l’ ouzo o tsipouro e assaggiare questi mezes. Ho il ricordo di un ouzeri si chiamava Scholarheion. 20 anni fa era autentico , spero che meriti ancora una visita e il tempo non abbia cambiato nulla. Camminando troverete dei piccoli chioschi con il Koulouri , è un tipo di pane rotondo con il buco in mezzo, molto croccante fuori e ricoperto di sesamo, tutti lo mangiano per strada camminando, a tutte le ore, fa parte delle cose che raccontano la storia culinaria della Grecia.

La via dello shopping è Ermou, oltre le grandi catene troverete tanti altri negozi per tutti i gusti, attenzione la domenica ad Atene tutti i negozi sono chiusi. Se volete comprare qualcosa di originale il negozio Melissinos Art in via Aghias Theklas 2 Monastiraki realizza sandali fatti a mano da tre generazioni www.melissinos-art.com

 

 

 

 

 

 

 

 

Please reload

ATENE 

© 2016 by Spyros Theodoridis.